LE NOVITÀ DELLA LEGGE DI BILANCIO 2018

Dopo un 2017 caratterizzato dalla positiva accoglienza da parte delle imprese nei confronti delle misure di incentivo agli investimenti, il Governo ha confermato e ampliato gli strumenti a disposizione dell’industria manifatturiera nazionale per agganciare la Quarta Rivoluzione Industriale.  

Martedì 30 gennaio, a partire dalle 14.30, presso la sede di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, viale Fulvio Testi 128 - Cinisello Balsamo, si terrà l’incontro su 

LE NOVITÀ DELLA LEGGE DI BILANCIO 2018 

Super-ammortamento, iper-ammortamento,

formazione, ricerca, digitalizzazione 

La prima parte dell’incontro verterà sulla presentazione dei dati riguardanti il 2017 e la loro significatività economica, certificando la ripresa ormai consolidata del mercato italiano, grazie anche alle misure messe in campo col Piano Industria 4.0. 

La seconda parte, concentrerà l’attenzione sulle norme contenute nella Legge di Bilancio 2018, in materia di super-ammortamento, iper-ammortamento, formazione, ricerca e sviluppo, digitalizzazione dell’impresa, che saranno illustrate nei dettagli, grazie alla presenza del Direttore Generale del Ministero per lo Sviluppo Economico, che sarà, anche, disponibile per rispondere ai quesiti operativi che verranno posti. 

L’incontro prevede un’ampia sessione finale per rivolgere domande e quesiti sui temi in discussione. 

Programma e modulo di iscrizione on line.

Legge di Bilancio 2018: Rinnovati Super e Iperammortamento

La Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (“Legge di Bilancio 2018”), pubblicata in Gazzetta Ufficiale al link http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/12/29/17G00222/sg, rinnova gli strumenti di agevolazione fiscale legati ai beni strumentali e a Industria 4.0 già presenti nel 2017.

Più in dettaglio, nei commi da 29 a 36 dell’Articolo 1 viene stabilito quanto segue:
Superammortamento 2018 – (rif. commi 26-29) per l’anno 2018, è applicabile agli investimenti (in beni materiali strumentali nuovi) effettuati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2018. Questa data si estende fino al 30 giugno 2019, a condizione che entro il 31 dicembre 2018 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione. Beneficiari dell’agevolazione sono i titolari di reddito d’impresa e gli esercenti di arti e professioni.
Restano inoltre confermati i casi di esclusione già previsti dalla legge di stabilità 2016, secondo la quale il superammortamento non si applica agli

  • investimenti in beni materiali strumentali nuovi, per i quali il decreto 31 dicembre 1988 stabilisce coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%;
  • investimenti in fabbricati e costruzioni;
  • investimenti in beni indicati nell’allegato 3 della legge di stabilità 2016 (ad esempio, le condutture utilizzate dalle industrie di imbottigliamento di acque minerali naturali, il materiale rotabile, ferroviario e tramviario, gli aerei completi di equipaggiamento).

Viene altresì confermato che le disposizioni in materia di superammortamento non producono effetti sui valori attualmente stabiliti per l’elaborazione e il calcolo degli studi di settore. Rispetto alla disciplina previgente del superammortamento, si segnalano le seguenti novità:

  • la percentuale di maggiorazione del costo di acquisizione scende al 30% (dal precedente 40%);
  • sono esclusi dal perimetro di applicazione dell’agevolazione gli investimenti in veicoli e in altri mezzi di trasporto.

Le nuove disposizioni sul superammortamento non si applicano agli investimenti che si avvalgono della proroga dell’agevolazione disposta dalla legge di bilancio 2017.
Iperammortamento 2018 – (rif. commi 30-36). Per l’anno 2018, la maggiorazione del 150% si applica agli investimenti (relativi alle voci dell’Allegato A della Legge 11 dicembre 2016, n. 232 – “Legge di bilancio 2017”) effettuati entro il 31 dicembre 2018. Questa data si estende fino al 31 dicembre 2019, a condizione che, entro il 31 dicembre 2018, il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione. È prevista anche una maggiorazione del 40% che si applica agli investimenti in beni immateriali strumentali (software) effettuati entro il 31 dicembre 2018. Anche questa data si estende fino al 31 dicembre 2019, a condizione che, entro il 31 dicembre 2018, il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione. Inoltre, è stato modificato l’elenco (contenuto nell’Allegato B della “Legge di bilancio 2017”) dei beni immateriali, ai quali è applicabile la maggiorazione del 40%. All’elenco, sono state infatti aggiunte le seguenti voci:

  • sistemi di gestione della supply chain finalizzata al drop shipping nell’e-commerce;
  • software e servizi digitali per la fruizione immersiva, interattiva e partecipativa, ricostruzioni 3D, realtà aumentata;
  • software, piattaforme e applicazioni per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio (comunicazione intra-fabbrica, fabbrica-campo con integrazione telematica dei dispositivi on-field e dei dispositivi mobili, rilevazione telematica di prestazioni e guasti dei dispositivi on-field).

Relativamente alla documentazione, la Legge di bilancio 2018 conferma quanto già previsto nella circolare 4/E emessa nel 2017 da MISE e Agenzia delle Entrate (v. http://www.camera.it/temiap/allegati/2017/03/31/OCD177-2828.pdf). Pertanto, per la fruizione dell’iperammortamento sui beni materiali e della maggiorazione del 40% per i beni immateriali, l’impresa deve produrre uno tra questi documenti:

  • dichiarazione del legale rappresentante (solo per i beni aventi ciascuno un costo di acquisizione inferiore a 500mila euro);
  • perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali (per tutti i beni);
  • attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato (per tutti i beni).

Tali documenti devono attestare che il bene possiede caratteristiche tecniche tali da includerlo negli elenchi contenuti negli allegati A o B ed è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.
Una delle novità più significative in materia di iperammortamento è rappresentata dal comma 35, secondo cui, se nel corso del periodo di fruizione della maggiorazione del costo si verifica il realizzo a titolo oneroso del bene oggetto dell’agevolazione, non viene meno la fruizione delle quote residue del beneficio, così come originariamente determinate, a condizione che, nello stesso periodo d’imposta del realizzo, l’impresa

  • sostituisca il bene originario con un bene materiale strumentale nuovo avente caratteristiche tecnologiche analoghe o superiori a quelle previste dall’allegato A alla legge di bilancio 2017;
  • attesti l’effettuazione dell’investimento sostitutivo, le caratteristiche del nuovo bene e il requisito dell’interconnessione attraverso la presentazione di uno dei documenti sopra elencati.

Infine, il comma 36 stabilisce che, nell’ipotesi in cui il costo di acquisizione dell’investimento sostitutivo sia inferiore al costo di acquisizione del bene sostituito e sempre che ricorrano le condizioni sopra ricordate, la fruizione del beneficio dell’iperammortamento prosegue per le quote residue fino a concorrenza del costo del nuovo investimento. Questo per evitare che, negli esercizi a venire, l’iperammortamento possa influenzare le successive scelte di investimento dell’impresa.
In tema di iperammortamento, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE ha predisposto una check list di supporto alla valutazione delle caratteristiche tecniche dei beni contenuti nell’allegato A.

Voucher digitalizzazione, dal 30 gennaio le domande

Ricordiamo l’opportunità di beneficiare del contributo, erogato sotto forma di voucher, messo a disposizione dal MISE (delibera CIPE del10 luglio 20147, pubblicata in G.U. nr. 239 del 12 ottobre 2017) per le micro, piccole e medie imprese italiane che vogliono investire nella digitalizzazione dei processi aziendali e all’ammodernamento tecnologico. 

Ogni impresa potrà fruire di un unico voucher fino a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili relative all'acquisto di hardware, software e/o servizi specialistici finalizzati alla digitalizzazione. 

La procedura informatica sarà disponibile sul sito del Mise dalle ore 10.00 del 30 gennaio 2018 e fino alle ore 17.00 del 9 febbraio 2018, anche se già a partire dal 15 gennaio sarà possibile compilare la domanda. Entro 30 giorni dalla chiusura dello sportello il Mise adotterà un provvedimento cumulativo di prenotazione del voucher, su base regionale, contenente l’indicazione delle imprese e dell’importo dell’agevolazione prenotata. 

Corso Nazionale Automazione Industriale e Robotica 2017

I coordinatori ringraziano vivamente coloro che hanno contribuito alla buona riuscita del “Corso nazionale di automazione industriale e robotica 2017. La fabbrica del futuro è già tra noi”, tenutosi il 2, 3 e 4 ottobre presso la sede ITIA CNR e la sede di SIRI.

Quest’anno abbiamo avuto un aumento di adesioni e siamo particolarmente soddisfatti per la pianificazione della prossima edizione. Sono gradite nuove proposte !!!

Ringraziamo tutti: oratori e collaboratori che con funzioni diverse hanno collaborato e soprattutto i non soci SIRI che ci hanno comunque supportato con entusiasmo.

Grazie ancora e prepariamoci per l'anno prossimo,

cordiali saluti.

I coordinatori del corso 

Irene Fassi         Giovanni Legnani

 

Per avere gli atti del corso:

http://www.robosiri.it/1/corsi_di_formazione_4482350_0.html

Junji Tsuda new IFR President

The Executive Board of the IFR has elected Japanese Junji Tsuda (Yaskawa Electric Corporation) as its new President. Mr. Tsuda succeeds Joe Gemma (KUKA, USA), who is leaving the rotating post as head of the global federation of robot manufacturers, having served his two-year term. Steven Wyatt (ABB, Switzerland) has been appointed as IFR´s new Vice President.  

more