Rassegna stampa

Robot e intelligenza artificiale: i deputati bocciano la “robot tax”

Robot e intelligenza artificiale: i deputati bocciano la “robot tax” e chiedono regole di responsabilità in tutta l'Unione Europea

Il 16 febbraio 2017 il Parlamento Europeo in sessione plenaria ha respinto con una maggioranza ristretta la proposta di emettere norme di legge europee per una tassa sui robot (nota come “robot tax”) e di definire un reddito di base ma ha deciso di chiedere alla Commissione Europea di proporre norme in materia di robotica e di intelligenza artificiale al fine di sfruttare appieno il loro potenziale economico e di garantire un livello standard di sicurezza e protezione. È stato però giustamente deciso che sono necessarie chiare regole in tutta l'Unione Europea a causa della rapida evoluzione della robotica con l’obiettivo di far rispettare gli standard etici e l'accertamento di responsabilità in caso per esempio di incidenti che coinvolgono auto senza conducente.

Si tratta certamente di una buona notizia per l'industria della robotica e comunque per lo sviluppo di tecnologie che si spera possano migliorare la vita dell’uomo. Qualche preoccupazione continua comunque ad esistere per il fatto che la norma è passata a maggioranza ristretta per cui è importante che la comunità robotica continui ad operare in modo capillare ed efficace in una corretta informazione su di un tema così importante.

 

Documentazione informativa:

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=PV&reference=20170216&secondRef=ITEM-006-09&language=IT&ring=A8-2017-0005 

P8_TA(2017)0051 

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?type=TA&reference=P8-TA-2017-0051&language=IT&ring=A8-2017-0005

https://ifr.org/ifr-press-releases/news/robots-benefit-the-us-industry-261000-new-jobs-created-in-automotive-sector

http://www.corrierecomunicazioni.it/digital/45460_industria-40-da-robot-e-digitale-spinta-all-occupazione.htm

 

Leggi l'articolo allegato

allegato_articoloallegato_articolo [5.190 Kb]

I robot hanno cancellato un solo lavoro in 60 anni

Clicca sul link per vedere la notizia !!!

 http://www.repubblica.it/economia/miojob/lavoro/2017/04/20/news/i_robot_hanno_cancellato_un_solo_lavoro_in_60_anni-163414686/?ref=RHPPBT-VE-I0-C6-P7-S2.2-T1 

 

Robots benefit the US industry: 261,000 new jobs created in automotive sector alone

Frankfurt, Chicago, Apr 25, 2017 — The US automotive industry has installed a new record of approximately 17,500 industrial robots in 2016. In the last seven years, the operational stock increased by about 52,000 units (2010-2016) according to IFR. During the same period, the number of jobs in the US automotive sector rose by 260,600 - according to the US Bureau of Labor Statistics.

 more (link https://ifr.org/ifr-press-releases/news/robots-benefit-the-us-industry-261000-new-jobs-created-in-automotive-sector)

Domenico Appendino è il nuovo presidente SIRI

Domenico Appendino succede a Rezia Molfino che, dopo aver coperto il ruolo di Presidente per 16 anni, non ha presentato la sua candidatura e rimane in Associazione in qualità di Vicepresidente onorario con incarichi di rappresentanza internazionale di ricerca e progetti europei, insieme a Giovanni Legnani, Professore ordinario di Meccanica Applicata alle Macchine presso l'Università di Brescia, confermato in veste di Vicepresidente con incarichi di formazione e didattica.

Nato nel 1951, Domenico Appendino diventa ingegnere nucleare nel 1974 al Politecnico di Torino dove lavora fino al 1976 (didattica e ricerca) e si specializza.
Dal 1976 al 1978 progetta componenti meccanici per impianti nucleari in FIAT TTG.
Dal 1978 al 1982 è direttore tecnico di CEAST (apparecchi di controllo e misura), rinnova completamente la linea di prodotto. Dal 1982 al 2010 dirigente del Gruppo PRIMA INDUSTRIE, ricopre vari incarichi (dal 1982 al 1983, responsabile di IMPERIAL PRIMA, sviluppa e distribuisce una nuova linea di prodotti di misura ‐ dal 1983 al 1995, direttore e consigliere di SAPRI, sviluppa e distribuisce la linea di robotica della società ‐ dal 1995 al 2010, direttore marketing di PRIMA INDUSTRIE, è protagonista dell’internazionalizzazione del Gruppo e dal 1999 al 2010, direttore corporate del Gruppo, della costituzione e sviluppo delle società in Asia di cui è stato presidente, vicepresidente o consigliere).
Dal 2011 in PRIMA INDUSTRIE è, come detto, vice presidente esecutivo della Capogruppo, vice presidente di Prima Power Suzhou e consigliere delle altre controllate in Cina.
Durante la sua carriera ha svolto attività culturali inerenti le tematiche professionali vissute ed è autore di un centinaio di articoli e pubblicazioni nei vari settori in cui ha operato.

Intervista al vicepresidente su Virgin Radio

A Davos, in occasione del World Economic Forum, (20 -  23 gennaio 2016) è stato dibattuto il tema della nuova rivoluzione industriale e l’avanzata dei robot.
Gli effetti dell’industria 4.0 sono stati approfonditi per comprendere quale impatto avranno sulla società e sui diversi comparti economici.
E’ intervenuto, a proposito, Domenico Appendino, vice presidente SIRI-Associazione Italiana di Robotica e Automazione e consigliere UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, il 22 gennaio su BUONGIORNO DOCTOR FEELGOOD condotto da Maurizio Faulisi e Valeria Caricchio su Virgin radio

40° SIRI